SDI SHOP
Acquista, ricarica e gestisci la tua CARD >>

Sdi Flash

dal 22/12/17 al 28/12/17
Visure e Servizi in campo fiscale e contabile per professionisti e imprese - Supermercato.it - SDI
Compliance 2016 dall'Agenzia, ravvedimento per attività finanziarie all'estero
L'agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 299737 del 21 dicembre 2017, fornisce indicazioni sulla comunicazione per la promozione dell’adempimento spontaneo nei confronti dei contribuenti che hanno omesso di dichiarare per l’anno d’imposta 2016 le attività finanziarie detenute all’estero, come previsto dalla disciplina sul monitoraggio fiscale. Il destinatario, per regolarizzare spontaneamente pagando sanzioni ridotte, potrà avvalersi del ravvedimento operoso, presentando una dichiarazione dei redditi integrativa con il quadro RW correttamente compilato ed inserendo altresì gli eventuali redditi percepiti in relazione alle attività detenute all’estero negli appositi quadri dichiarativi. L’Agenzia invia una comunicazione ai contribuenti per i quali sono emerse possibili anomalie dichiarative per l’anno d’imposta 2016 Nel provvedimento sono dettate le modalità con le quali sono messe a disposizione del contribuente e della Guardia di Finanza, anche mediante l’utilizzo di strumenti informatici, le informazioni derivanti dal confronto tra i dati ricevuti dalle autorità estere e i dati dichiarativi. Le notizie scambiate - si spiega nel provvedimento - riguardano: sul fronte soggettivo, i dati identificativi dei titolari di conto e, nel caso di enti o una società, anche gli identificativi della persona o delle persone che ne esercitano il controllo; dal lato oggettivo, l’identificativo del conto, il nome e l’identificativo dell’istituzione finanziaria tenuta alla comunicazione, il saldo o valore del conto, l’importo di interessi, dividendi e altri redditi generati in relazione alle attività detenute nel conto, pagati o accreditati, e gli introiti totali lordi derivanti dalla vendita o dal riscatto delle attività finanziarie.


a cura di eDotto S.r.l.

L'elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o inesattezze.


Le altre notizie...